Vitamina D con l’alimentazione

VITAMINA D – Pare che in Italia vi sia una generale carenza, un insufficiente apporto, in particolare nei mesi invernali. Circa l’80% della Vitamina D viene autoprodotto dal corpo per esposizione al sole (fotoesposizione), circa 20% viene dall’alimentazione 1).

VEGETRIANESIMO E VEGANESIMO

I vegetariani difficilmente riescono a soddisfare la necessità di apporto.

INTEGRATORI

Attenti agli integratori perché un eccesso di vitamina D provoca effetti collaterali dannosi. Carenza di vitamina D La vitamina D, indispensabile per muscoli e ossa, è anche importante anticancerogeno 2) e pare che alla carenza di vitamina D siano associati anche depressione 3) e sclerosi multipla 4). Da ricordare anche il rachitismo 5) che può avere origine non genetica (carenze alimentari e mancata fotoesposizione) e può insorgere, insieme ad altre patologie ossee anche in età adultà.

DOVE SI TROVA LA VITAMINA D

Nota dolente: pochi alimenti contengono quantità apprezzabili di vitamina D. Un alimento particolarmente ricco è l’olio di fegato di merluzzo. La vitamina D si trova nei pesci grassi (aringhe e salmoni), nel latte e derivati, nel fegato, nelle uova e nelle verdure verdi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

VitaBiologica.it © 2016
error: Condividi il post! Grazie